Le domande più frequenti sulla manutenzione della caldaia

 

Una cosa è certa:  parlando di manutenzione caldaia c’è molta disinformazione e confusione tra i cittadini.
Cerchiamo di fare chiarezza postando alcune tra le domande più frequenti nelle quale forse potreste identificarvi:
1
D: Salve,
Ho acquistato una casa che aveva una caldaia già installata. Non mi hanno fornito il libretto. Come faccio a sapere ogni quanto tempo va fatta la pulizia?

R: Se non si ha il libretto e non si conoscono l’installatore dell’impianto bisogna mantenere la pulizia costante ogni 2 anni.

2
D: Ciao,
ho dato in affitto un appartamento arredato completo di tutti gli elettrodomestici.
La manutenzione della caldaia ( controllo annuale dei fumi etc…) è a carico dell’inquilino o del proprietario?

R: La manutenzione ordinaria è a carico dell’inquilino, mentre quella straordinaria è a carico del proprietario.

3
D: Buongiorno,
vivo a Cremona! Ogni quanto devo effettuare il controllo dei fumi della caldaia di casa mia?

R: Si tratta di una caldaia domestica, quindi per legge il controllo dei fumi va effettuato ogni 2 anni.

4
D: Ciao,
solo una curiosità: ma una caldaia non a norma comporta solo maggiore inquinamento oppure si può essere in pericolo?

R: Avere una caldaia non a norma o non controllata regolarmente può essere pericoloso per sé e per gli altri tanto che la legge prevede che qualora la caldaie non risultino a norma vi è l’obbligo del proprietario di sostituirla entro 300 giorni dall’ accertamento.
 
Per qualsiasi altra informazione riguardo la normativa sulla pulizia e manutenzione delle caldaie consultare anche questo articolo:
http://www.cremonaenergia.com/?p=36

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *