Qual è il riscaldamento ideale?

L’inverno è finalmente finito ma visto il clima e le temperature di questi giorni non ci sembra così fuori luogo parlare di riscaldamento.

Vi siete mai chiesti quanti tipi di riscaldamento domestico esistono e quale può essere quello ideale per voi?

Come per ogni cosa anche per quanto riguarda il tipo di riscaldamento ne esiste uno perfetto e su misura per la nostra casa o il nostro ufficio, basta solo informarsi bene.

Per capire qual è quello ideale per la nostra abitazione o per il nostro ufficio dobbiamo porci qualche domanda e andare più a fondo:

– Quante persone vivono o lavorano  in questo spazio?
– Di quale spazio si sta parlando? E’ la mia abitazione principale o la mia casa delle vacanze? E’ il mio ufficio o il mio negozio?
– Si tratta di uno spazio ampio? Di quanti metri quadrati stiamo parlando?
– E’ uno spazio isolato dal punto di vista termico o presenta dispersioni di calore?
– Esistono fonti di approvvigonamento rinnovabile?

Queste sono domande molto importanti che ci dobbiamo porre attentamente nel momento di questo tipo di scelta perché esistono talmente tanti tipi di riscaldamento che non è così semplice fare la scelta giusta.

 

Andiamo ad analizzare insieme i tipi di riscaldamento esistenti:

  • Il riscaldamento tradizionale ad alta temperatura è il riscaldamento più comune e più utilizzato in assoluto. Si tratta del riscaldamento che viene emanato attraverso radiatori o ventilconvettori. Questo tipo di riscaldamento però, nonostante sia il più diffuso presenta alcuni svantaggi. Permette infatti alla polvere di rimanere sempre in circolo nell’ambiente causando quindi problemi respiratori che possono essere accentuati dalla deumidificazione dell’aria causata dai radiatori stessi. Inoltre il riscaldamento tradizionale comporta la stratificazione dell’aria e l’aria più calda tende a salire mantenendo più freddo l’ambiente vivibile.

 

  • Un altro tipo di riscaldamento molto in uso negli ultimi anni è il riscaldamento a  bassa temperatura che può essere realizzato sotto forma di impianti a pavimento, a battiscopa, a parete o addirittura a soffitto. Quelli più comuni sono quelli a pavimento che presentano numerosi vantaggi: migliorano il benessere termico riducendo i consumi, riscaldano e raffrescano senza movimentare l’aria, riscaldano con minor consumo di energia e sono polivalenti perché si possono usare sia in inverno che in estate se funzionano anche da sistema di raffrescamento. Inoltre non sollevano polveri perché non circola aria. Il costo non è di molto superiore ai normali sistemi di riscaldamento.

 

  • Parlando di sistemi di riscaldamento non potevamo non approfondire una tra le migliori soluzioni di rendimento energetico in circolazione: le pompe di calore. Si tratta di sistemi che prelevano calore da un ambiente, e, innalzandone la temperatura, lo trasportano in un altro ambiente. Le pompe di calore sono di vario tipo a seconda che prelevino calore dall’aria, dall’acqua o dal terreno e lo scambino negli ambienti prescelti attraverso aria o acqua. Quelle più diffuse sono quelle che utilizzano i termini aria-aria  e aria-acqua. L’energia prodotta da questi sistemi può essere utilizzata per riscaldare, raffrescare e per produrre acqua calda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *